Archivi tag: asilo nido

Incentivi alla nascita nella legge di bilancio 2017

Con la legge n. 232 del 11 dicembre 2016 è stata emanata la legge di bilancio 2017. Tra i tanti commi dell’unico articolo alcuni sono diretti alla famiglia, esaminiamoli insieme.

Comma 353 Premio alla nascita. E’ previsto per i nati a partire dal 01.01.2017 un premio alla nascita o all’adozione di minore di € 800. Il premio è corrisposto direttamente dall’Inps a seguito della richiesta dalla futura mamma da effettuarsi al compimento del 7 mese di gravidanza o all’atto dell’adozione. Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo e, contrariamente da quanto previsto inizialmente, non ci sono limiti di reddito per la sua richiesta. Siamo in attesa del decreto attuativo per conoscere le modalità di richiesta.

Comma 354 Congedo obbligatorio del padre lavoratore. La norma ha stabilito in 2 giorni per il 2017 la durata del congedo obbligatorio del padre lavoratore dipendente da usufruire entro 5 mesi dalla nascita del bambino. Tale congedo è elevato a 4 giorni per il 2018. Possono anche non essere goduti in via continuativa.

Comma 355 Asilo nido. E’ introdotto a partire dal 2017 un buono di 1.000 euro l’anno per pagare le rette dell’asilo nido per i nati dal 1 gennaio 2016 e per forme di supporto a domicilio in favore di bambini, sotto i 3 anni, con patologie croniche. Il buono parametrato su 11 mensilità, è corrisposto al genitore che lo richiede dall’Inps, previa presentazione dell’idonea documentazione attestante l’iscrizione e il pagamento della retta a strutture pubbliche o private. Tale beneficio non è cumulabile con la detrazione prevista per la spesa sostenuta per gli asili nido e con il voucher baby-sitting e asili nido. Entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge deve essere emanato un decreto attuativo che disciplini le modalità di richiesta. Tale buono è soggetto a risorse limitate per cui al momento che verranno raggiunti i limiti fissati non verranno più prese in considerazione nuove domande.

Comma 356 -357 Voucher baby-sitting e asilo nido. Viene riconfermato anche per il 2017 il voucher di 600 euro mensili per 6 mesi per le madri lavoratrici che rientrano a lavoro dopo il periodo di congedo di maternità obbligatorio. Tale incentivo consiste, come per il 2016, in un voucher spendibile per la retta dell’asilo nido o per i servizi di baby-sitter. Può essere richiesto sia da madri lavoratrici dipendenti che da lavoratrici autonome o imprenditrice iscritte alla gestione artigiana e commercianti e alla gestione separata inps.

Ovviamente rimane sempre in piedi il bonus bebè per i nati fino al 31.12.2017 per 3 anni. Tale incentivo è legato al reddito isee per quanto riguarda l’importo erogabile, 80 euro per isee fino a 25.000 euro e 190 euro per isee fino a 7.000 euro. Vanno rinnovati ogni anno, in quanto l’isee è  valido fino al 15 gennaio dell’anno successivo la sua emissione.

Voucher Baby sitting anche alle autonome

56b0a7a4fdb94d15a82f938fFinalmente è arrivato!

Il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, emanato di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze in data 1 settembre 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27 ottobre 2016, ha esteso l’erogazione del voucher per l’acquisto dei servizi di baby-sitting o per far fronte agli oneri dei servizi per l’infanzia, alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici per l’anno 2016.

Il beneficio consiste in un contributo, pari ad un importo massimo di seicento euro mensili, per un periodo complessivo non superiore a tre mesi, che sarà erogato in luogo del congedo parentale, con conseguente riduzione dello stesso, ed in base alla richiesta della lavoratrice.

Le interessate dovranno presentare domanda telematica all’INPS entro il 31 dicembre 2016 optando per servizi di baby sitting o per i servizi per l’infanzia.

Per la piena operatività del Decreto occorre attendere le relative istruzioni da parte dell’Istituto

Fonte: Edotto